BIOS-BCP

90% standardizzato di β-caryophyllene dai chiodi di garofano (Syzygium aromaticum L.)

I chiodi di garofano sono le infiorescenze della specie Syzygium aromaticum (L.) Merrill et. Perry (sinonimo di Eugenia caryophyllata) che appartiene alla famiglia delle Myrtaceae. I chiodi di garofano sono raccolti principalmente come boccioli di fiori non aperti portati a grappoli, che vengono poi essiccati per produrre la spezia familiare del commercio.

Gli oli volatili estratti dai chiodi di garofano sono prodotti dalle gemme mediante idrodistillazione.

Gli studi scientifici hanno indicato che l’olio di chiodi di garofano può essere usato come agente antibatterico, antimicotico e antisettico.

Tuttavia, le proprietà terapeutiche dell’olio sono dovute alla presenza di numerosi monoterpeni e sesquiterpeni, tra cui il composto bioattivo β-cariofillene (BCP).

Il BCP è un composto volatile vegetale presente in grandi quantità nell’olio essenziale di molte spezie, come nei chiodi di garofano. A causa del suo debole sapore aromatico, il BCP viene utilizzato commercialmente come additivo alimentare e come prodotto cosmetico. Il BCP è un additivo alimentare approvato dalla FDA e viene ingerito con il cibo ogni giorno.

Il BCP è un endo-cannabinoide che non si lega al recettore dei cannabinoidi di tipo 1 (CB1) nel sistema nervoso centrale; quindi, non produce effetti psicoattivi.

Il BCP si lega selettivamente al sito di legame CP55.940 (cioè il sito di legame del THC) nel recettore 2 dei cannabinoidi (CB2), portando all’attivazione cellulare e agli effetti antinfiammatori. I recettori CB2 si trovano principalmente all’interno del sistema immunitario. I ligandi del recettore CB2 inibiscono l’infiammazione e la formazione di edemi (Iwamura et al., 2001, J Pharmacol Exp Ther 296: 420- 425), mostrano effetti analgesici (Ibrahim et al., 2005, Proc Natl Acad Sci USA 102: 3093-3098) e mediano la protezione contro l’ischemia epatica/danno da riperfusione (Batkai et al., 2007, FASEB J 21: 1788-1800). Nel tratto gastrointestinale, gli agonisti del recettore CB2 prevengono la colite riducendo l’infiammazione (Kimball et al., 2006, Am J Physiol Gastrointest Liver Physiol 291: G364-371).

BIOS-BCP® NON CONTIENE EUGENOLO. L’eugenolo è stato valutato nel 2009 dall’EFSA. La soglia di preoccupazione di questa molecola è 1,8 mg/persona/giorno. Biosfered utilizza un metodo proprietario di frazionamento che consente di ridurre l’eugenolo al di sotto dei limiti di soglia. Questo perché l’eugenolo può indurre la fosforilazione delle proteine in modo dipendente dal tempo, il che indica un possibile effetto genotossico (rotture del doppio filamento), probabilmente a causa dello stress ossidativo (Food and Chemical Toxicology 2018, 118: 861-879). Per maggiori informazioni sull’analisi del BCP, consultare gli approfondimenti su PipeNig®.

Principali vantaggi di BIOS-BCP®

La caratterizzazione chimica qualitativa di BIOS-BCP® si basa sulla gascromatografia accoppiata alla spettrometria di massa e al GC-FID per la quantificazione accurata del BCP.

  • BIOS-BCP® è titolato in β-cariofillene, non contiene eugenolo e consente un dosaggio accurato in preparazioni galeniche e nutraceutiche.
  • BIOS-BCP® è disponibile in forma liquida e contiene la più alta percentuale di β-cariofillene standardizzato (90%) presente sul mercato.

L’olio di chiodi di garofano è anche adatto alla funzione digestiva. Regola la motilità gastrointestinale e l’eliminazione dei gas. È adatto per il benessere del naso e della gola. Ha un effetto balsamico e agisce come antiossidante.

Start typing and press Enter to search

Don`t copy text!